Racconto: Samuele Cattaneo

Category

Racconto

Date

13 marzo 2017

Share it:
About

Sono nato a Seregno 53 anni fa, ma abito da 22 anni a Gallarate, da quando mi sono sposato con  Daniela. Abbiamo 3 figli qui… e una in Paradiso. Da quando avevo 8 anni ho frequentato l’Oratorio S.Rocco di Seregno fino a quando ne ho avuti 23, e come tanti ho percorso la parabola da semplice partecipante alle attività in oratorio fino a diventarne animatore, catechista e responsabile animatori.

Dal 1980 collaboro con la pastorale giovanile diocesana nella FOM, dove mi sono occupato della progettazione, organizzazione e regia di grandi eventi come Incontri cresimandi , veglie missionarie, “traditio symboli” e ancor oggi collaboro per il Carnevale Ambrosiano dei Ragazzi.

L’Oratorio mi ha permesso di capire quanto sia importante nella vita l’esperienza della  reciprocità. Quando ci arrivi, da bambino, trovi persone che si occupano di te, poi cresci e senti arrivare il momento in cui sei tu ad essere chiamato ad aver cura dei “più piccoli”: lo percepisci come la cosa più naturale da fare. Lavorare in oratorio mi ha poi umanamente formato nell’ambito dell’organizzazione,  pianificazione e capacità di fare gioco di squadra – doti di cui raccolgo tuttora i frutti nel mio lavoro in RAI – non tanto come volontà di controllo totale, quanto come metodo  di pianificare intimamente il più possibile per potere alla fine fare a meno… di ogni pianificazione! Il cortile dell’oratorio ti educa a collaborare insieme ad altre persone, sapendo valorizzare i talenti di ciascuno e trovare – anche con mezzi limitati –  il modo di usare qualunque cosa in modo differente, ossia il riuso e riciclo creativo. E quanto mi è servito tutto questo nella vita!